Ricerca

Rapporti annuali 2019

Noi festeggiamo!

Lo ammettiamo,
da un rapporto annuale ci si aspetta una retrospettiva dell’intero anno solare e anche noi la forniamo più sotto. Tuttavia, il 75° anniversario non si festeggia tutti i giorni ed è perfino per l’asmac un evento unico nella sua storia!

Per questo, per celebrare adeguatamente l’occasione, non abbiamo voluto rinunciare a girare, per la prima volta nella storia della nostra associazione, due video per l’anniversario. Ma niente paura, vi abbiamo risparmiato noiosi commenti sui nostri annali fino al 1945. Guardateli e scoprirete cosa abbiamo invece ideato per voi – buon divertimento!

L’anno 2019 dell’asmac

È vero, siamo rimasti sorpresi persino noi!

Perché pensavamo che bastasse riflettere in tre per stabilire velocemente cosa riferirvi quest’anno nella nostra retrospettiva. Invece, niente di tutto ciò! L’unica cosa che siamo riusciti a capire rapidamente è che per la nostra associazione è stato un anno pieno di avvenimenti. Ecco perché ci risulta difficile scegliere tra tutti questi argomenti, a parte naturalmente quelli di spicco, come i nostri successi relativi alle condizioni di lavoro e alla gestione delle autorizzazioni.

Alla fine, come potete vedere qui sotto, ci abbiamo quantomeno provato. Così potete confrontare il vostro anno con l’asmac non solo con il nostro, ma anche con quello di altre tre persone che stilano qui a loro volta un bilancio personale. Ma cosa sarebbe un rapporto annuale senza le cifre relative ai soci e alla situazione contabile? Ovviamente anche questi dati non possono mancare – e ancora una volta sono ottimi!

Cordialmente, vostra/vostro

Dott.ssa Anja Zyska
Presidentessa

Angelo Barrile 
Vicepresidente/Consigliere nazionale

Dott.ssa Patrizia Kündig
Vicepresidentessa

Retrospettiva

  • Taglio del nastro per la «nuova» asmac

    Il nostro sito web risplende in una nuova veste – e non solo per i nuovi colori blu scuro, rosso e azzurro. Anche la struttura, le informazioni e il font utilizzato sono il frutto di un approfondito lavoro di revisione. Ora il nuovo e moderno layout verrà implementato nella comunicazione a tutti i livelli. A partire dalla nostra newsletter che, da subito, avrà cadenza mensile.

    Immagine: asmac
  • MEDIfuture esaurito a tempo di record

    Chi arriva tardi …: I posti per il nostro congresso sulla carriera con MEDISERVICE VSAO-ASMAC a Berna sono andati esauriti con settimane di anticipo. I feedback espressi dai partecipanti sul posto danno un’idea dell’interesse suscitato dal programma della 13a edizione. Ecco cosa ha dichiarato uno dei 349 partecipanti: «Un evento fantastico! Ottima organizzazione e conferenze interessantissime. Avanti così!»

    Immagine: asmac
  • Siamo (restiamo) nel Consiglio Nazionale!

    Alle elezioni federali, il vicepresidente dell’asmac Angelo Barrile (PS/ZH) difende il proprio seggio alla Camera bassa. Per il resto i medici continuano a essere merce rara sotto la cupola del Parlamento federale. La vicepresidentessa Patrizia Kündig viene invece nominata dal Comitato Direttivo nuova responsabile del settore visite.

    Immagine: andriano_cz/Adobe Stock
  • Legge sul lavoro: un sospiro di sollievo, ma non bisogna mollare

    Il Consiglio degli Stati respinge definitivamente l’iniziativa «Deroga alla registrazione della durata del lavoro per dirigenti e specialisti». Ma la nostra lotta continua perché a esserci in gioco l’idea di estendere le orari di lavoro per le due categorie. Sarina Keller succede a Simone Burkhard Schneider nel ruolo di responsabile Perfezionamento professionale e Diritto presso il Segretariato centrale dell’asmac.

    Immagine: Studio Africa/Adobe Stock
  • E ancora la questione delle autorizzazioni …

    Purtroppo è una costante in tutti i nostri rapporti annuali: la questione della gestione strategica delle autorizzazioni. Nel mese di agosto, la Commissione sanitaria del Consiglio nazionale raccomanda alla Camera bassa di entrare in materia sulla nuova regolamentazione delle nostre principali richieste. Il che poi avviene, come precedentemente al Consiglio degli Stati. Altre differenze di opinione tra le due camere non possono invece essere eliminate entro la fine dell’anno.

    Immagine: asmac
  • Iniziativa sulle cure infermieristiche: quella originale o l’alternativa?

    Il Parlamento respinge l’iniziativa popolare «Per cure infermieristiche forti (Iniziativa sulle cure infermieristiche)», elaborando in alternativa un controprogetto. Noi valutiamo positivamente entrambi i progetti – nonostante la critica parziale espressa durante la procedura di consultazione (in tedesco). L’aspetto fondamentale per noi è che, in ospedale, la ripartizione della responsabilità tra medici e personale infermieristico deve continuare a essere chiaramente regolata e differenziata.

    Immagine: drubig-photo/Adobe Stock
  • È ora di dare un segnale chiaro

    Anche i medici donna devono continuare a lottare per l’uguaglianza e le pari opportunità. Per questo sosteniamo le richieste dello sciopero delle donne del 14 giugno con una spilla e alcune iniziative. Inoltre, qual è veramente la situazione del perfezionamento professionale? Nel nostro Feedback-Pool i soci esprimono la propria opinione sulla durata e il grado di soddisfazione riguardo alle attuali regolamentazioni.

    Immagine: asmac
  • La pianificazione del servizio si può apprendere

    La qualità delle condizioni di lavoro dipende da piani di servizio efficienti. Che sempre più cliniche e ospedali siano entrati in quest’ottica lo dimostra il crescente interesse per la nostra offerta di consulenza. Sulla rivista per i soci della Società Svizzera di Chirurgia (SSC) «Swiss Knife» (in tedesco) spieghiamo quali sono gli ostacoli che i pianificatori devono tenere maggiormente in considerazione.

    Immagine: lenets_tan/Adobe Stock
  • La nostra campagna continua

    Si dice che il 3 sia il numero perfetto – al meno! In questo senso il Comitato centrale dà il via libera alla terza fase della campagna asmac «Medicina, non burocrazia!», con la quale lanciamo in due ospedali progetti pilota per ridurre il lavoro amministrativo. Anche la Clinica di Medicina Interna dell’Ospedale universitario del Canton Vaud (CHUV) si impegna a favore dell’obiettivo della campagna e riceve per questo la nostra Rosa d’ospedale.

    Immagine: asmac
  • Tipicamente le donne …?

    Nelle aree specialistiche con attività operative i medici donna continuano a essere una rarità. Soprattutto ai gradini superiori della carriera medica. Forse semplicemente per mancanza di interesse? Non è così e soprattutto non è così semplice. Sul «Bollettino dei medici svizzeri» analizziamo i retroscena e spieghiamo i nostri approcci per arrivare a una soluzione.

    Immagine: WavebreakMediaMicro/Adobe Stock
  • Prima, più breve, più bello: è possibile

    Il nuovo anno è ancora agli inizi. Noi però passiamo già in rivista quello vecchio. La pubblicazione anticipata del rapporto annuale dell’asmac si basa su un concetto radicalmente nuovo. Il nostro bilancio viene pubblicato ora solo in formato elettronico e notevolmente sintetizzato. Inoltre, c’è un sito Web dedicato con videoclip incluso. Il risultato? Un numero di lettori 30 volte superiore!

    Immagine: asmac
  • Per i padri, le madri e la ragione

    Secondo noi il congedo dei papà deve durare come minimo un mese. Ecco perché continuiamo a sostenere l’iniziativa popolare «Il congedo paternità, subito!» – e non il controprogetto che prevede solo due settimane. Con la stessa chiarezza ci opponiamo contro la discriminazione delle donne medico in gravidanza (in tedesco) e protestiamo presso l’UFSP contro gli ostacoli che devono affrontare i medici che desiderano lavorare in altre regioni linguistiche.

    Immagine: Antonioguillem/Adobe Stock

Il mio 2019 con l’asmac

Eich

Marc Eich, Sezione Grigioni, medico assistente presso l’ospedale regionale Surselva

Il mio anno è iniziato con un nuovo lavoro, lunghi straordinari e un simpatico «Allegra!» da parte dell’asmac Grigioni. In quanto profano in campo tecnico, era logico che il comitato direttivo mi scegliesse per collaborare alla progettazione della nuova homepage …! Scherzi a parte, il progetto per me è stato uno stimolo creativo e mi ha consentito di svolgere più rapidamente il mio lavoro in clinica riducendo i miei straordinari. A proposito, alcuni elementi del lavoro di progetto sono ancora oggi in bella mostra sullo schermo del mio notebook.

Poi, ho potuto chiudere l’anno con un «Viva!» (alla salute!) durante l’aperitivo di fine giornata anticipato, insieme a nuovi amici e uno stambecco sul nostro sito Web.

Immagine: p.g.c.
Svenja Ravioli für HP

Svenja Ravioli, Sezione Berna, medico assistente presso l’ospedale civico di Soletta

Io mi occupo di condizioni di lavoro eque, pari opportunità tra uomini e donne e perfezionamento professionale in campo medico. Per questo, nel mese di aprile mi sono fatta eleggere nel comitato direttivo dell’asmac di Berna, il mio personalissimo momento clou dello scorso anno all’interno dell’associazione!

Un secondo evento importante è stato il successo dello sciopero delle donne del 14 giugno. La risonanza a livello nazionale e internazionale ha sottolineato l’importanza dell’evento e delle richieste avanzate. In autunno poi ho avuto modo di fare un’ulteriore interessante esperienza come delegata dell’asmac alla Camera medica, avendo così l’opportunità di prendere per la prima volta contatto con la politica di categoria.

Immagine: p.g.c.
Michael-Wallies-neu2

Michael Wallies, Sezione Turgovia, medico assistente presso la clinica psichiatrica di Littenheid

In quanto co-presidente dell’asmac Turgovia, mi sta a cuore che l’associazione mantello mi informi il più rapidamente possibile sugli eventi rilevanti per la mia sezione. Apprezzo una comunicazione regolare da parte della direzione di Berna sia attraverso incontri di persona o via la newsletter.

Mi ha impressionato in particolare la collaborazione a sostegno dei medici assistenti che lavorano nel settore psichiatrico della Svizzera romanda, i quali cercavano aiuto per via dell’improvviso aumento dei costi di perfezionamento professionale. Tramite l’associazione mantello, abbiamo avuto modo di confrontarci con i medici coinvolti e definire la questione dal punto di vista giuridico. Abbiamo però ricevuto assistenza anche dal punto di vista umano e questo mi ha positivamente impressionato rafforzando la mia fiducia nel mio lavoro per l’associazione.

Immagine: p.g.c.

Cifre e fatti